Piceni nel Mondo | Persone e storie diverse che hanno un’unica origine: il Piceno

Ladri di neve!!!

raccolta neve
Condividi:

Nel XVIII sec. si verificò nell’ Ascolano un furto molto strano.. quando non esistevano i frigoriferi, per conservare la neve anche nel periodo estivo, la città di Ascoli, sulla Montagna dei Fiori, aveva a disposizione le neviere che il Comune affittava annualmente per garantire l’utilizzo della neve che serviva per curare le febbri ma anche per produrre sorbetti.

Gli affittuari della neve, nell’estate del 1779, si videro rubare questa preziosa sostanza dalle persone di Villa S. Antonio; fu fatta una denuncia alla magistratura cittadina e fu aperta una vera e propria indagine che però non ebbe seguito. Negli anni successivi la situazione si ripresentò: “quelli di S. Vito”, i pastori, i pecorari, i falciatori di fieno e altre persone che andavano a lavorare sulla Montagna dei Fiori, diedero luogo a dei veri e propri furti di neve!

La città rischiava di rimanere senza neve, che era fornita soltanto dalle neviere private dei liscianesi; fu così che l’ Illustre Magistrato Anzianale, nell’aprile del 1790, decise di far cavare due serbatoi affinchè la neve (e i sorbetti!) non mancasse alla cittadinanza.

Resta in contatto con noi iscrivendoti alla newsletter di Piceni nel mondo

Resta in contatto con noi

Hai un legame con il Piceno? Sei in contatto con piceni che vivono all'estero?
Vuoi semplicemente maggiori informazioni?
Iscriviti alla newsletter: ti aggiorneremo costantemente
fino al lancio ufficiale del progetto!

* Campo obbligatorio
Scrivici una mail per avere maggiori informazioni il team di Piceni nel mondo risponderà il prima possibile

E-mail: info@piceninelmondo.com