Piceni nel Mondo | Persone e storie diverse che hanno un’unica origine: il Piceno

Il rito per sconfiggere l’invidia

Invidia
Condividi:

In passato, soprattutto sotto il periodo di Natale, le persone che si sentivano addosso il peso dell’invidia di amici e familiari si rivolgevano a guaritrice-invidiaquelle donne speciali che avevano il potere di liberarle.

Secondo le credenze popolari, l’invidia porta la persona che ne è vittima a soffrire di malesseri fisici e a vivere sventure quotidiane ed è per questo che la Guaritrice si rivolge per ogni caso ad un Santo specifico: San Pasquale per trovare l’amore, Santa Lucia per i mali dell’occhio, ecc…

Il rito consiste nel pronunciare formule magiche e segrete simili a preghiere mentre si fanno scivolare dolcemente delle gocce d’olio su un piatto pieno d’acqua; alla fine con le forbici si “taglia” quell’acqua che viene poi lanciata per strada in modo che il maleficio lasci la vittima e colpisca il primo ignaro passante.

Solo le guaritrici conoscono le formule di questo misterioso rito in quanto la donna anziana, arrivato il momento esatto, le tramanda oralmente e in gran segreto alla sua erede, perdendo così tutti i suoi poteri.

Commenta qui

Resta in contatto con noi iscrivendoti alla newsletter di Piceni nel mondo

Resta in contatto con noi

Hai un legame con il Piceno? Sei in contatto con piceni che vivono all'estero?
Vuoi semplicemente maggiori informazioni?
Iscriviti alla newsletter: ti aggiorneremo costantemente
fino al lancio ufficiale del progetto!

* Campo obbligatorio
Scrivici una mail per avere maggiori informazioni il team di Piceni nel mondo risponderà il prima possibile

E-mail: info@piceninelmondo.com